Intossicazioni

 

 

 

INTOSSICAZIONI ALIMENTARI

Effetti

Le fonti di intossicazione possono essere diverse: gli esseri umani (mani poco pulite, starnuti, tosse, ecc.); gli animali o gli alimenti di origine animale (ad esempio, uova, latte e suoi derivati); elementi appartenenti all'ambiente esterno (terra, acqua inquinata, ecc.).

I disturbi si manifestano a carico dell'apparato digerente e del sistema nervoso.

Provvedimenti d'urgenza

Al soggetto debilitato dalla perdita di liquidi, a causa del vomito e/o della diarrea, vanno somministrate solo sostanze liquide e non cibi solidi. Per eliminare diarrea e vomito non si devono somministrare farmaci, se non dopo aver consultato il medico.

INTOSSICAZIONE DA FARMACI

Effetti

Possono verificarsi vari quadri sintomatologici, quasi sempre a danno dell'apparato intestinale e del sistema nervoso. I sintomi possono variare secondo il tipo di farmaco.

I farmaci che più frequentemente determinano questo tipo di infortunio sono i barbiturici, che provocano sonnolenza, nausea, vertigini, ebbrezza, pallore, sudorazione, perdita d'urina e di feci, rilassamento del sistema muscolare, arre- sto della respirazione.

In genere, l'intossicazione da farmaci provoca: rallentamento dell'attenzione e dello stato di coscienza, insorgenza di uno stato di torpore e sonnolenza, riduzione progressiva dell'attività respiratoria.

Provvedimenti d'urgenza

Dopo essersi rivolti al 118 ed in attesa del trasporto al Pronto Soccorso, è bene attenersi alle seguenti misure d'urgenza:

  • non somministrare bevande o cibi se la vittima non è cosciente;
  • conservare i residui del farmaco, o il relativo contenitore, per consentire al medico l'identificazione del tipo di sostanza ingerita;
  • nei casi più gravi praticare la respirazione bocca a bocca e sistemare la vittima nella posizione di sicurezza se è in stato di incoscienza.

INTOSSICAZIONE DA GAS

Effetti

In questo caso siamo in presenza di un infortunio dalle caratteristiche "subdole", in quanto la vittima rimane intossicata un po' alla volta senza rendersene conto, passando lentamente dallo stato di sopore a quello confusionale con manifestazioni di cefalea acuta, nausea e vomito, sonno profondo e, nei casi in cui non si interviene in tempo, coma ed arresto cardiaco. In altre parole, la vittima rimane colpita lentamente da asfissia senza avvertire nessun pericolo.

Provvedimenti d'urgenza

È importante, quando si deve prestare soccorso alla vittima, attenersi alle seguenti norme per non rimanere colpiti dallo stesso infortunio, data la presenza di esalazioni di gas nell'aria:

  • arieggiare l'ambiente aprendo tutte le finestre;
  • trasportare la vittima all'esterno.

Sistemarla in posizione di sicurezza per evitare il soffocamento in caso di vomito.

Provvedere quindi con urgenza a trasportarla al più vicino Pronto Soccorso.

AVVELENAMENTO DA SOSTANZE CHIMICHE

Effetti

Non si può tracciare un quadro preciso dei sintomi, in quanto le manifestazioni di carattere patologico dipendono dal tipo di sostanza assorbita.

In generale, si può dire che gli acidi o gli alcali provocano bruciori, vomito, caduta della pressione, mancanza di respiro. L'alcool può suscitare euforia, de- pressione, vomito. Gli antiparassitari provocano nausea, vomito, diarrea e spasmi bronchiali.

Provvedimenti d'urgenza

Si deve immediatamente eliminare il veleno dalla cute (abbondanti lavaggi con acqua corrente), dall'apparato respiratorio (allontanamento della vittima dal luogo inquinato), dall'apparato digerente (evitare di somministrare il latte, provocare il vomito solo se la vittima è cosciente e se ha ingerito medicinali o so- stanze solide).

Conservare i residui della sostanza chimica e portarli al Pronto Soccorso assieme alla vittima.

Provvedere all'eventuale stato di shock ed al mantenimento delle funzioni respiratoria e circolatoria.

Free Joomla! template by Age Themes

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok