B.L.S. Adulto

 

 

 

DEFINIZIONE

Con la sigla "B.L.S." (Basic Life Support = Supporto Vitale di Base) si intende una serie di manovre di rianimazione cardio-polmonari necessarie per soccorrere una persona che:

  • ha perso coscienza;
  • ha difficoltà respiratorie o è in arresto respiratorio per ostruzione delle vie aeree o per altri motivi;
  • è in arresto cardiaco.

Queste manovre sequenziali e codificate, servono per valutare in breve tempo e per sostenere le funzioni vitali della persona. Vengono effettuate senza attrezzature e/o presidi sanitari, quali supporti per la ventilazione, farmici, apparecchiatura per il monitoraggio, ecc.

 

Il B.L.S. rappresenta il secondo anello della

Catena della Sopravvivenza

Qui la rappresentazione in sequenza delle sue regole, per riconoscere l'assenza di una o più funzioni vitali in una persona ed eseguire le tecniche di B.L.S. secondo i protocolli stabiliti.

  • Effettuare la rianimazione cardio-polmonare in una persona in arresto
  • Rendere e mantenere pervie le vie
  • Ventilare artificialmente una persona in arresto respiratorio (ove possibile).

Sequenza del B.L.S.

Non posso agire se prima non ho valutato: consiste in un alternanza di valutazioni e azioni:

C: circolazione/massaggio cardiaco esterno

A: pervietà delle vie aeree

B: ventilazione

 

Valutazione rischi evolutivi: Sicurezza–Scenario–Situazione

C: valutare la coscienza e i segni di MO.TO.RE (Movimento, Tosse, Respiro), appoggiando le mani sulla spalla della persona che si soccorre, scuotere delicatamente, chiamare ad alta voce;

se non risponde e non ha segni di MO.TO.RE. (Movimento, Tosse, Respiro): da un vostro collega fate avvisare il 118 o, se siete soli, fatelo voi.

Posizionare la persona su un piano rigido, allineare gli arti, scoprire il torace ed iniziare immediatamente le compressioni toraciche (5/6 cm).

Effettuare 30 compressioni al centro del torace. Rapporto compressioni/rilascio 1:1

Ritmo 100-120 battiti al minuto tenendo le braccia tese e perpendicolari al punto di MCE;


A:
terminate le 30 compressioni, iper-estendere il capo (no nel traumatizzato), controllare la pervietà delle vie aeree, senza introdurre le dita in bocca alla persona da soccorrere;

B: se le vie aeree sono libere, effettuare 2 insufflazioni di emergenza, controllando l’espansione toracica, quindi, riprendere immediatamente le compressioni toraciche.

Effettuiamo la respirazione artificiale solo se abbiamo un dispositivo per farlo e se ce la sentiamo.

ALTRIMENTI:

CONTINUIAMO IL MASSAGGIO FINO ALL'ARRIVO DEI SOCCORSI

Il cervello riceverà comunque una piccola quantità di ossigeno facendo circolare il sangue attraverso il massaggio. Se avremo iniziato il massaggio precocemente il cervello resterà vitale fino all'arrivo dei soccorsi che proveranno a risolvere il problema.

Free Joomla! template by Age Themes

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok